Berlino, 08/06/2018

Il Cammino Neocatecumenale celebrerà domani, sabato 9, e domenica 10 giugno, l’anniversario dei suoi 40 anni di vita a Berlino con diversi atti. Si festeggerà con un’Eucaristia di azione di grazie, con la presentazione del libro “Annotazioni” dell’iniziatore del Cammino e responsabile internazionale, Kiko Argüello, e con la Celebrazione Sinfonico-Catechetica “La Sofferenza degli Innocenti” -la cui musica è stata composta da lui stesso- presso la prestigiosa Filarmonica di Berlino.

Azione di grazie

L’Eucaristia di azione di grazie si celebrerà domani alle ore 20 nella Cattedrale di St. Hedwig, a Berlin-Mitte. Sarà presieduta dall’Arcivescovo Mons. Heiner Koch, e concelebrata dal Cardinale Paul Josef Cordes, e dall’ Arcivescovo emerito di Madrid, Cardinale Antonio María Rouco Varela.

Mons. Koch ha espresso il desiderio di ringraziare il Cammino Neocatecumenale per i suoi 40 anni di Nuova Evangelizazione.

Si aspetta la partecipazione di centinaia di persone da tutta la Germania.

Kiko Argüello presenta il suo libro “Annotazioni”

“Annotazioni” raccoglie riflessioni, pensieri, poesie e sofferenze dell’autore tra gli anni 1988 e 2014. Sono state vendute più di 35.000 copie di questo libro  in diverse lingue.

Kiko Argüello presenterà la versione in tedesco domenica alle ore 16.30 presso l’Accademia Cattolica di Berlino.

Parteciperà all’evento nuovamente l’Arcivescovo emerito di Madrid, Cardinale Antonio María Rouco Varela, che offrirà alcune chiavi di lettura di quest’opera che include un epilogo del Cardinale Gerhard Müller, Prefetto emerito della Congregazione per la Dottrina della Fede, che aveva presentato l’opera a Roma nel novembre 2016. Il libro contiene inoltre una prefazione del Cardinal Cordes.

La prefazione della versione in spagnolo è del Presidente della Conferenza Episcopale Spagnola e Arcivescovo di Valladolid, Ricardo Blázquez Pérez.

Il Cardinale Müller scrive nell’epilogo che “i Papi hanno analizzato, accompagnato e promosso il Cammino Neocatecumenale in varie fasi”. “È stato il Papa Benedetto XVI che l’11 maggio 2008, ha concesso agli statuti del Cammino l’approvazione canonica, riconoscendo così il carisma degli iniziatori come azione dello Spirito Santo incamminata all’edificazione spirituale e pastorale della Chiesa e approvando questo Cammino di evangelizzazione del mondo e di una nuova evangelizzazione per i cattolici battezzati”.

“Le ‘Annotazioni  1988-2014’, raccolte da Kiko Argüello e contenute nel libro, non offrono riflessioni sistematiche o frammentarie sui temi della fede e della teologia. Sono, invece, la testimonianza di un cammino interiore dell’anima e degli sforzi per ottenere la fiducia in Dio, così come l’unione con il Signore crocifisso e sofferente”.

“Ma, quanto bene si può fare con questo libro!”, scrive anche il Cardinale.

Nella prefazione, il Cardinale Cordes assicura che “le annotazioni di Kiko non sono solamente una chiave per poter comprendere il Neocatecumenato, ma al di là di questo movimento spirituale, possono rappresentare utili stimoli per l’apostolato in generale”.

Il Cardinale aggiunge che “l’autore nelle sue annotazioni apre la profondità della sua anima” e sottolinea che “il carisma che lo Spirito Santo ha affidato agli iniziatori del Neocatecumenato ha contagiato molti altri, per mezzo dello stesso Spirito. Allo stesso tempo, la sua diffusione è impressionante”.

Da parte sua, Kiko Argüello spiega che ha deciso di pubblicare le sue “annotazioni” per “proclamare la gloria di Dio testimoniando il suo amore gratuito e la sua fedeltà incondizionata verso di me che, come si potrà constatare, sono inadeguato, indegno, inutile, infedele…”. “Se queste annotazioni aiutano qualcuno, sia benedetto Dio”, dice l’iniziatore e responsabile internazionale del Cammino.

“Annotazioni” è il secondo libro di Argüello dopo la pubblicazione nel 2003 di “Il Kerigma, nelle baracche con i poveri ” tradotto in più di 25 lingue e con migliaia di copie vendute.

La Filarmonica di Berlino ospita “La Sofferenza degli Innocenti”

New York, Boston, Chicago, Auschwitz, Madrid, Parigi, il Vaticano, Israele, Tokio o Fukushima sono solo alcuni dei luoghi in cui si è potuta ascoltare la Sinfonia composta dallo stesso Kiko Argüello, “La Sofferenza degli Innocenti”.

In questa occasione, l’opera musicale che descrive la sofferenza della Vergine ai piedi della Croce, viaggia fino a Berlino, dove sarà interpretata alla presenza di circa 2200 persone presso la prestigiosa Filarmonica.

Il rabbino David Rosen, Direttore degli Affari Interreligiosi del Comitato Ebreo-Statunitense e Presidente Onorario del Consiglio Internazionale di Cristiani e Ebrei, incaricato inoltre delle relazioni con il Vaticano e che è stato testimone di questa musica in varie occasioni, descrive il lavoro come ” una rivoluzione nella relazione tra i cristiani e il popolo d’Israele”.

Sarà un evento molto speciale organizzato in nome del dialogo giudeo-cristiano, seguendo la volontà di Papa Francesco, che in molte occasioni ha espresso la necessità di creare ponti tra le due confessioni.

“Da nemici ed estranei siamo diventati amici e fratelli”. “I cristiani per comprendere se stessi, non possono non fare riferimento alle radici giudaiche. E la Chiesa, nel professare la salvezza per mezzo della fede in Cristo, riconosce l’irrevocabilità dell’Antica Alleanza e l’amore costante e fedele di Dio per Israele”, aveva affermato Papa Francesco durante la sua visita alla Sinagoga di Roma nel 2016.

Con questa Celebrazione Sinfonico-catechetica si ricorderà in modo speciale le vittime della Shoa, l’Olocausto che costò la vita di più di 6 milioni di persone per mano del nazismo.

Questo evento conterà con la presenza di numerose autorità, tra cui i cardinali anteriormente citati e di nuovo l’ Arcivescovo di Berlino, Mons. Heiner Koch.

Assisterà anche un gran numero di rabbini e credenti ebrei che hanno mostrato il loro entusiasmo nel contribuire alla riconciliazione tra il cristianesimo e il giudaismo.

Il Cammino Neocatecumenale si è rivelato un autentico strumento in questo senso e tra le sue iniziative si ricordano due incontri internazionali di rabbini e cardinali (2015 y 2017) celebrati nella casa Domus Galilaeae, situata sul Monte delle Beatitudini (Terra Santa).

La musica di Kiko Argüello, che sarà interpretata dall’Orchestra Sinfonica del Cammino, formata da 110 musicisti e 90 coristi, è diretta dal prestigioso direttore d’orchestra Tomáš Hanus, di fama internazionale.

L’inizio del Cammino in Germania, grazie a Benedetto XVI

Joseph Ratzinger (Benedetto XVI) conobbe il Cammino Neocatecumenale attraverso l’equipe itinerante responsabile, Toni y Bruna Spandri, nel 1975, e poco prima di essere nominato Arcivescovo di Monaco, mostrò di nuovo il suo appoggio esprimendo il suo “forte desiderio” che “questa esperienza si possa iniziare in Germania”.

A partire da allora, il Cammino Neoactecumenale si è esteso per le diverse diocesi del paese.

Il Cammino attualmente Il Cammino è sorto tra i poveri di Madrid (Spagna) nel 1964 per mezzo di Kiko Argüello e Carmen Hernández, che morì il 19 luglio 2016. Attualmente l’equipe responsabile internazionale è formata da Kiko Argüello, María Ascensión Romero e il P. Mario Pezzi.

È presente in 134 nazioni dei cinque continenti, con 21.300 comunità in 6270 parrocchie, con 1668 famiglie in missione che evangelizzano in città scristianizzate dei cinque continenti e con 120 seminari Diocesani Missionari Redemptoris Mater.